[Vai al menu di sezione]    [Vai al contenuto della pagina]

immagine alternativa al flash
  Benvenuti nel sito ufficiale del Comune di Sant'Omero

Il Comune

Home page
Ultime notizie
Il Comune informa
Scrivi al Comune
Contattaci
Numeri telefonici utili
Link utili

La Città

Manifestazioni ed eventi
Album fotografico
Mappa della città
Il Territorio e La Storia
Personaggi illustri
Dati statistici
Scuole
Impianti sportivi
Associazioni
Alla scoperta di...
Casa di Riposo "C. Campanini"
Gemellaggio con Szamocin

Amministrazione

Albo Pretorio
Pubblicazioni Matrimoni
Gli uffici
Deliberazioni di Giunta
Deliberazioni di Consiglio
Regolamenti
Il Sindaco
La Giunta Comunale
Il Consiglio Comunale
Bilanci
Statuto
Macrostruttura e Dotazione Organica dell'ente

Bandi e Concorsi

Concorsi
Bandi
Amministrazione Trasparente

Sportello Unico SUAP SUE

Città dell'Olio

Fondazione Val Vibrata

Wifi Zone

Cuore Sant'Omero

Comune Riciclone

Accessibilità

Il Territorio e La Storia

La Storia

 

Le prime tracce storiche dell'esistenza di un centro abitato su questa collina risalgono ai primi anni del XI sec., più precisamente al periodo successivo alle invasioni degli Ungari e dei Saraceni.

Da quell'epoca in poi si susseguono e si alternano la conquista del feudo o la sua donazione a nuovi feudatari, non di rado stranieri. Per ricostruire la storia si dispone solo di rari documenti almeno fino al 1644, quando Sant'Omero e Poggio Morello furono donati ad Alvaro de Mendoza che ha lasciato un testamento dai cui dati si possono ricavare preziose informazioni sulla vita della sua epoca.


Nel Catalogo dei baroni Normanni, il più antico documento in cui si fa menzione di Sant'Omero, nel foglio 105 di questo importante manoscritto, il cui originale è andato perduto durante l'ultimo conflitto mondiale, si legge testualmente: "nel 1173 Sant'Omero (nel testo compare la grafia Santo Mero!) in Abruzzo era feudo tenuto da Gualtieri di Rainaldo in servizio del conte in Abruzzo del quale era il Demanio, se ne corrispondevano quattro soldati su cavallo".

E' pura congettura, non suffragata da documentazione, il fatto che Sant'Omero possa essere stata fondata dai Normanni intorno al XII sec., anche se troviamo in Normandia e precisamente nella regione del Pas de Calais un analogo paesino chiamato Saint Omer'.


È' un paese che negli ultimi decenni non si è sottratto al complessivo e complesso sviluppo economico-sociale della vallata, trasformandosi da località della cultura e dell'economia rurale in cittadina dalle condizioni e prospettive ben differenti. E così come per il nucleo centrale, la stessa cosa è accaduta per le due frazioni di Garrufo e Poggio Morello.

Una passeggiata tra le strade del paese consente di apprezzare il discreto fascino e di immergersi in una suggestiva atmosfera. Una sorta di circonvallazione racchiude il nucleo centrale dell'abitato che da lì può essere raggiunto in più modi, compresa una scalinata un po' abbandonata che lascia però scoprire panorami piacevolissimi.

In brevissimo tempo ci si trova sul "cucuzzolo" del colle, sul punto più alto del paese. Qui si affaccia una chiesa e qui confluisce un piccolo reticolato di viuzze che chiedono solo di essere attraversate.

La passeggiata è interessante e le vie strette, in discesa, ora chiuse, ora incrociate tra loro, ripetono ambienti comuni. Colpisce invece per la singolarità una piazza di piccole dimensioni, quasi nascosta tra le vie, intitolata ad un antico signore di provenienza spagnola (Piazza Alvaro de Mendoza).

La piazzetta chiusa tra due palazzi sembra un angolo nel quale il tempo si è fermato e non è difficile immaginarlo come l'autentico testimone, non solo dei fatti che hanno segnato la storia di Sant'Omero ma anche della vita quotidiana, dei mille incontri, delle parole, dei sentimenti dei santomeresi.

Una delle strade si chiude in maniera inusuale. Al posto del solito muro che blocca ogni cosa, c'è una ringhiera che fa si che la strada diventi una specie di balcone. Da esso è possibile affacciarsi sulla valle sottostante, sulle colline che la circondano e sulla strada che sale verso il paese; la conclusione naturale è che una passeggiata così, seppure breve, vale la pena di essere fatta.




Il Territorio


Sant'Omero è uno dei dodici comuni appartenenti alla Val Vibrata. E' tra le località più antiche della zona ed anche tra le più importanti. Si trova a 16 km. dalla costa ed è adagiato su una collina posta più di 200 m. sul livello del mare, dalla quale domina non solo la Val Vibrata, ma anche la vallata del Salinello.


Il territorio del Comune di Sant'Omero è a soli 7 km. dalla costa adriatica. Vi si arriva seguendo l'indicazione "Sant'Omero" al bivio sulla S.S. adriatica al confine tra Tortoreto e Giulianova, dopo pochi chilometri si incontra sulla sinistra il bivio per la frazione Poggio Morello.

Continuando invece sulla bonifica del Salinello, si trova sulla destra dopo appena 2 km. il bivio per Sant'Omero/Centro storico e, proseguendo sempre sulla stessa strada, dopo alcuni chilometri si incontra, sulla destra, il bivio per le frazioni di Villa Ricci e Garrufo.


Per chi decidesse di raggiungere Sant'Omero utilizzando l'autostrada il percorso è il seguente:


 - Autostrada Adriatica A14:

  • Uscita Val Vibrata
  • Uscita Ascoli Piceno-San Benedetto del Tronto km.7
  • Uscita Teramo-Giulianova km.18

 - Autostrada A24:

  • Roma-Teramo;
  • Uscita San Nicolò a Tordino

 - Treno:

  • Fermata presso stazione ferroviaria di Alba Adriatica

 - Aeroporto:

  • Pescara km.60
  • Ancona km.110



Le frazioni:



Garrufo

Villa Ricci

Poggio Morello

Informazioni

Servizi sociali
Smaltimento rifiuti e raccolta differenziata
Servizi scolastici
Biblioteca civica
Tasse e imposte
Servizi alberghieri e di ristorazione
Percorsi turistici
Consulta Giovani
Farmacie di turno
Acqua bene comune
Sportello Unico
Bandi e finanziamenti pubblici attivi
Presentazione Opere pubbliche
Il nuovo Piano Regolatore Generale
Wi-Fi Zone
Servizi demografici - Residenza in tempo reale
Resoconto attività amministrativa di metà mandato
News del Quotidiano della P.A.

Modulistica

Moduli per l'autocertificazione

IL SONDAGGIO

Pensi che l'attivazione degli autovelox mobili abbia aumentato la sicurezza nei centri urbani?
Si, perché ha ridotto la velocità di transito dei veicoli
Si, ma i controlli andrebbero aumentati
Si, ma su alcune strade andrebbero installati gli autovelox fissi
La sicurezza nei centri urbani si aumenta con i dossi artificiali

Vedi i Risultati

Iscriviti gratuitamente alla Newsletter
Linea Amica La P.A. al tuo servizio
Unione di Comuni Val Vibrata

Santa Maria a Vico - Meraviglia Italiana

Patto dei Sindaci
Valid CSS!
Level Triple-A Conformance to Web Content Accessibility Guidelines 1.0
Valid HTML 4.01 Strict!
Home Page  -  Ultime notizie  -  Manifestazioni ed Eventi  -  Deliberazioni di Giunta  -  Deliberazioni di Consiglio  -  Regolamenti  -  Concorsi  -  Gare ed Appalti  -  Altri Bandi

Copyright © "Comune di Sant'Omero" - All Rights Reserved - P.IVA 00523850675 - Powered by PlaySoft